BOLOGNA Ormai è proprio una sporca dozzina, roba da triturarsi il fegato per Donadoni e mondo rossoblù. Anzi, domenica tutto è accaduto all’ora di pranzo, con la quinta sconfitta di fila. Un dato che inizia ad essere preoccupante, perché si aggiunge a quello dei gol subiti nel finale di gara. Con l’Inter l’ennesima beffa, proprio mentre il Bologna iniziava a fare la bocca ad un pareggio tutto sommato da non buttare contro una squadra – quella nerazzurra – che Pioli ha rigenerato dandole un passo da alta quota. La tipologia del gol subito nell’ultimo turno (firmato da Gabriel Barbosa, entrato da non molto) è simile a ben altre reti – pesantissime – che i rossoblù hanno subìto nell’annata. Palla dal lato (questa volta D’Ambrosio) che taglia l’area, sonno generale di chi è in mezzo delegato a spazzare l’area, intercettare, e pronto (quasi sempre sul secondo palo) pronto l’avversario di turno che la piazza dentro. Un classico ormai, una sorta di …tragedia tattica se si arriva alla dodicesima rete subita praticamente in fotocopia. E, facendo di conto anche i palloni che dall’altro (cioè con cross) tagliano l’area per essere sbattuti in rete con modalità più o meno identiche, si va a quota 17. Ci si rende conto come il dato vada analizzato anche alla luce di rimedi indispensabili, specie per chi è a 5 gare perse di fila.

ALI E POST Un dato è certo: sono troppi i palloni che riescono a tagliare l’area piccola, quindi un filtro-pressing che se non proprio scadente è ai minimi sindacali. Ma va detto anche come un dato lasci di stucco: quasi sempre i colpitori sono soli, senza contrasto, come appunto accaduto a Hamisk, Gabriel Barbosa e Pasalic del Milan. Fase difensiva da bocciatura? Non proprio: la difesa del Bologna non è tra le peggiori, e i turni in cui è risultato il miglior reparto non sono pochi. Ma la tipologia del gol subito – con l’inter ben 9 giocatori schierati dietro la linea della palla mentre D’Ambrosio fa partire il pallone che taglierà in due la difesa bolognese aprendola come una scatola di latta. Donadoni ci metterà mano, anche perché con 5 sconfitte di fila e un …virus tattico che serpeggia e prende spazio, normale si perda sonno e serenità. Meglio puntare a sonni tranquilli in questo finale di annata.

admin

Leave a Comment